Rimanere concentrati lavorando da casa

Alzi la mano chi, seduto alla scrivania nella propria casa, si è lasciato distrarre almeno una volta dalla televisione, dal caffè, dalla lavatrice, dalla mosca…

Io dovrei alzarle entrambe.

Per questo leggo articoli che spiegano come rimanere concentrati lavorando da casa e provo tutte le tecniche suggerite.

Ammettiamolo, le nostre case sono piene di distrazioni. In questo non c’è confronto con un ufficio “tradizionale”, dove tutto e tutti sono legati al lavoro. A parte la macchinetta del caffè, ma è una piccola eccezione che possiamo ignorare.

Il problema può essere superato imparando ad organizzare il tempo e lo spazio intorno a noi.

Organizzare lo spazio

Se puoi dedica una stanza della casa esclusivamente al tuo lavoro. In questo modo potrai isolarti dalla maggior parte delle distrazioni.

E organizza questo spazio come un ufficio. Quindi scrivania e sedia ergonomiche, buona illuminazione, tutto a portata di mano. E niente televisore, né divano. Radio solo se la musica aiuta la concentrazione.

Poi, chiarisci con i tuoi famigliari che stai lavorando. È facile che vedendoti a casa si sentano legittimati a disturbarti in ogni momento.

No. Metti in chiaro che tu sei lì, ma non ci sei. Magari con un bel cartello sulla porta: “Non disturbare. Sto lavorando”. Se hai dei bambini spiega loro con calma la situazione e imponi delle regole. È bello che tu sia sempre lì per loro, ma è importante che imparino a rispettare dei limiti.

Per esperienza però ti posso dire che è impossibile farlo capire al gatto.

Organizzare il tempo

Ora che il tuo ufficio in casa è pronto e hai chiarito la situazione con i tuoi cari (almeno quelli umani) devi organizzare il tuo tempo.

Anche se non hai un capo che ti alita sul collo, non devi timbrare il cartellino e nessuno saprà a che ora ti sei seduto alla scrivania, devi comunque darti degli orari.

La routine aiuta ad essere più produttivi e a mantenere la concentrazione. Quindi stabilisci i tuoi giorni e orari di lavoro e riserva gli altri impegni al resto del tempo.

Il vantaggio è che nessuno ti obbliga a lavorare dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 18.

Ti piace andare in palestra alle 10 del mattino? Bene, lavora dalle 7 alle 10, poi prenditi una pausa per allenarti e fare un pranzo leggero e ricominciare alle 13.

Vorresti evitare di fare la spesa il sabato, quando il supermercato è pieno? Ok, il giovedì pomeriggio finisci di lavorare alle 15 e fai la spesa settimanale. E il sabato mattina lavori.

È importante avere degli orari, non che siano quelli della maggior parte delle persone.

Cerca poi di rispettarli il più possibile, ma ricordati che esistono le eccezioni e uno dei vantaggi/svantaggi del tuo lavoro è la flessibilità.

E comportati come se fossi in un ufficio. Quindi, durante le ore di lavoro niente telefonate personali (a meno che non ci sia un’emergenza), niente Facebook, Instagram, WhatsApp, a meno che non siano i tuoi profili professionali.

Stabilisci un piano di lavoro per la giornata (o ancora meglio la settimana). Usa un’agenda o un calendario e cerca di rispettarlo il più possibile. Inserisci sia gli impegni che le pause e riserva un po’ di tempo tra un compito e l’altro per controllare la posta elettronica e i social network di lavoro.

Mentre ti dedichi a un’attività disattiva tutte le notifiche. Se vuoi rimanere veramente concentrato chiudi anche l’e-mail. Quando vediamo che è arrivato un nuovo messaggio siamo tutti tentati di controllarlo immediatamente, interrompendo quello che stiamo facendo.

È un grosso errore. Una delle più grandi distrazioni per chiunque lavori con il computer. Prova a chiudere il programma e riaprirlo solo nei momenti stabiliti. Noterai subito un cambiamento radicale nelle tue abitudini e nei risultati.

Per me è stato difficile accettarlo (e a volte lo è ancora), ma il multitasking non è produttivo.

Calcola il tempo dei tuoi lavori

Dedicarti a una sola attività alla volta, escludendo tutte le distrazioni ti consente di fare una cosa molto importate: calcolare il tempo che richiede uno specifico lavoro. Anzi, ogni singola fase di quel lavoro. Così potrai capire se la previsione che avevi fatto all’inizio è corretta e potrai fare preventivi sempre più precisi.

Per farlo puoi usare un cronometro, un’app per smartphone, o la funzione di tracciamento delle attività di Reveni.

Il segreto per non perdere soldi da libero professionista
Reveni il Gestionale per professionisti Provalo GRATIS

Usa il pomodoro

Conosci la tecnica del pomodoro? È un metodo di gestione del tempo tanto semplice quanto efficace.

Consiste nell’organizzare il lavoro in compiti specifici a cui dedicare il 100% delle energie per un tempo limitato. Poi ti concedi una piccola pausa e riprendi con un nuovo compito (o con lo stesso, se è lungo) e così via.

Il pomodoro classico dice di lavorare per 25 minuti e farne 5 di pausa. E ogni 4 sezioni di lavoro una pausa di 15 minuti.

Facciamo un esempio. La realizzazione di un articolo è composta da diverse fasi. La ricerca, l’organizzazione delle informazioni, la scrittura, la ricerca di immagini, la revisione.

Sulla mia agenda segnerò:

  • Ricerca – 4 pomodori

  • Pausa lunga

  • Organizzazione informazioni – 1 pomodoro

  • Scrittura – 3 pomodori

  • Pausa lunga

  • Rilettura – 1 pomodoro

  • Ricerca immagini – 1 pomodoro

Non faccio mai la revisione nello stesso giorno della scrittura. Quindi fermiamoci qui.

A questo punto devo solo impostare il timer e buttarmi a capofitto nel mio nuovo articolo.

È una tecnica molto efficace che evita di affaticarsi troppo. E visto che la stanchezza è nemica della concentrazione, in definitiva ti permette di rimanere concentrato più a lungo.

Io la uso spesso e sono molto soddisfatta.

Ah, ti stai chiedendo perché “tecnica del pomodoro”? Beh, secondo la storia il primo ad utilizzarla usava un timer a forma di pomodoro (di quelli da cucina) per tenere il tempo. Ma va bene un timer di qualsiasi forma. O una delle numerose app per smartphone e computer in circolazione.

Bene, ora non hai più scuse per distrarti. Quindi non puoi far altro che rimanere concentrato e lavorare da casa efficacemente.


Quanto ti costa perdere pochi minuti al giorno su un cliente?

Basta un quarto d'ora non fatturato al giorno per perdere più di 2.000 € all'anno.
Ogni piccola azione della giornata dedicata ad un cliente, una telefonata rapida, un email di media lunghezza ha un costo minimo se presa da sola. Ma giorno dopo giorno questi costi si sommano, e la cifra alla fine dell'anno diventa la differenza tra una settimana di ferie in più o meno.
Purtroppo tenere traccia di tutte le brevi attività è spesso complicato, e si preferisce lasciar perdere.

Non solo. E' semplice perdere tempo, e soldi, quando non si ha un'organizzazione del proprio lavoro concentrata in un punto solo.
Se il lavoro viene segnato su un Excel, le fatture vengono fatte su un programma su PC, le scadenze vengono tenute a mente... dimenticare qualcosa è inevitabile prima o poi.

Reveni - il gestionale per il professionista
ti aiuta ad organizzare il tuo lavoro

  • RISPARMIA DENARO
    Non dimenticare nessun intervento effettuato
  • ORGANIZZA LE TUE ATTIVITA'
    Con lavori, agenda e lista impegni
  • TIENI SOTTO CONTROLLO IL TUO LAVORO
    Con statistiche sul tempo impiegato
  • FAI FATTURE E RICEVUTE
    In maniera rapida
  • NON DIMENTICARE LE SCADENZE
    Con lo scadenziario clienti e fornitori

Prova gratuitamente per un mese Reveni il Gestionale per Professionisti

${message}

Inserisci la tua email per accedere al mese di prova gratuito
(nessuna carta di credito necessaria)